Home » News » Ragnetto rosso danni e difesa

Ragnetto rosso danni e difesa

ragnetto rosso mais soia

Il ragnetto rosso è una specie polifaga in grado di infestare diverse specie di ortaggi, soia e mais.

Infesta la parte inferiore della foglia di mais e soia e i baccelli neoformati della soia, con suzione diretta all’interno delle cellule da cui sottrae la linfa.
I danni sono visibili con delle depigmentazioni e bronzature sulle foglie, causano dei disseccamenti con cadute precoci. In pieno campo questo fitofago è in grado di compiere 8-10 generazioni ogni anno, per poi svernare come le femmine adulte.

ragnetto rosso mais soia

Appaiono soprattutto con le alte temperature e la scarsa piovosità del periodo estivo provocando gravi danni qualitativi e quantitativi alle colture come il mais e la soia.

Alte dosi di insetticidi, per il controllo di pericolosi fitofagi come cimici e lepidotteri della soia, piralide e diabrotica del mais, a volte possono contribuire alla pullulazione del ragnetto rosso. 

Un infestazione non controllata di ragnetto rosso, può ridurre la produzione fino al 60%.
Con le caldi estati, appezzamenti di mais, possono subire attacchi rilevanti di ragnetto rosso, con conseguente stress per ridotta capacità fotosintetica e presenza di elevati livelli di aflatossine e fumonisine alla raccolta.

Come difendersi

Per affrontare la presenza del ragnetto rosso, su mais e soia è importante il monitoraggio dell’infestazione definendo l’intervento da affrontare.

Con presenza indicativa di 2 individui per foglia su 100 foglie/ha, le foglie sono ancora verdi ma punteggiate con lesioni rilevabili sulla foglia e non su ogni pianta. Si consiglia di restare vigili.

Con presenza indicativa di 10 individui per foglia su 100 foglie/ha, tutte le piante in campo mostrano vari livelli di punteggiatura, con un visibile scolorimento delle foglie e i margini dei campi e delle aree asciutte mostrano danni diffusi e marcati. A questo livello, i danni iniziano a farsi notare.

Uno stato di emergenza aggiunto ad un danno economico, si ha con presenza diffusa di ragnetto, talvolta coperte da fitte ragnatele, un’intensa depigmentazioni e bronzature con disseccamenti e defogliazioni precoci; tutte le piante sono pesantemente infestate. 

Consigli

AKAR K SPECIALAGRI

Si consiglia l’utilizzo di Akar K che è direttamente coinvolto nella traspirazione delle piante perché controlla l’apertura degli stomi delle foglie. La presenza di  potassio inoltre, migliora le condizioni della pianta in periodi di stress, come caldo e malattie funginee.

Utilizzare un dosaggio di 400-500 lt di acqua per ettaro. Si consiglia di effettuare i trattamenti nelle ore fresche della giornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.